ESERCITAZIONE 0NDA 15 25/26 SETTEMBRE 2010


Ed eccomi a raccontarvi la mia prima esperienza dell’esercitazione in Protezione Civile  ..
Siamo partiti sabato mattina da casa alle 7:45 e siamo arrivati al Campo alle 8:15, e una volta registrati alla Segreteria  siamo andati a finire di mettere a posto il campo  le luci nelle tende e mettere le brandine dove mancavano .. eravamo in 4 tende  nella 1° vi erano i volontari Delta , nelle altre una i volontari di Bassago e in una i volontari di Eridano nella 4° vi eravamo io e Mauro  a noi ci hanno dato la matrimoniale..( e dire che il mio adorato maritino sperava per una volta di non dormire con la moglie e invece….)
Dopo di che sono usciti i servizi  a me mi hanno messo nella mensa..( singh!! Odio la cucina.. )per  colazione pranzo e cena.
Il pomeriggio e cominciato con un susseguirsi di varie uscite per ispezione delle sponde e del fiume con il gommone.. I capi campo Sergio e Severo hanno continuato a dare  le varie istruzioni a tutti i volontari  dentro al campo.. E cosi mentre gli altri facevano le loro mansioni nei paesi vicini noi abbiamo cominciato a preparare i sacchi per eventuali fontanazzi.. Nel tardo pomeriggio è toccato anche a me l’uscita per un emergenza proprio di un fontanazzo e cosi ci siamo avviati nella zona indicata e li ci aspettava un bel fontanazzo.. abbiamo preso tutte le attrezzature che ci servivano poiché il fontanazzo ero sotto a dei tronchi di legno abbiamo dovuto tirare fuori anche la motosega e quella è stata la sottoscritta ad usarla .. mi sono messo il casco per la dpi e  come ci hanno insegnato  al corso fatto ho messo con fatica devo dire in moto la suddetta macchina ( cattiva non si fa cosi) comunque benché fossi immersa nell’acqua ( capiamo non immersa nel vero senso della parola ) avevo i 10 cm  di acqua  .. ho cominciato a tagliare i tronchi dove mi dicevano e cosi abbiamo liberato il fontanazzo dai rami , e abbiamo cominciato a sistemare i sacchi per fermare il fontanazzo..e poiché non avevamo molti sacchi a disposizione abbiamo cominciato a riempirne altri fino al completamento del fontanazzo.
Finito il fontanazzo siamo rientrati al campo base e io che ero addetta alla mensa sono andata in cucina poiché si avvicinava l’ora di cena.
Finita la cena abbiamo avuto un emergenza per il fiume in piena e dovevamo andare ad alzare un argine e cosi con tre veicoli e un tot di volontari siamo andati a fare il rialzo dell’argine … Mamma quante spalettate… Rientrati al campo base  ci siamo messi a parlare un po’ e alle 23.30 siamo andati a letto ..Raga vi giuro la notte più lunga della mia vita oltre al fatto che non sono abituata a dormire a 10 cm da terra su una rete morbidissima, ma i rumori fuori dalla tenda non mi hanno fatto dormire molto.. comunque la notte e passata ma alle 6.00 mi sono alzata dalla disperazione, ma mi sono vista la nascita del sole.
Il problema è stato che non mi sono portata nulla di peso e fuori si gelava e oggi Martedì ne sto pagando le conseguenze.
Ma raga se credevo di aver fatto il più mi sbagliavo di grosso .. Domenica mattina arriva un'altra emergenza su un isola del Po’ vi è un disperso.. Fatto sta che finchè non arrivo al po’ non lo sapevo che dovevo prendere il gommone ( io non ho paura dell’acqua ma del acqua del Po’ si) e non vi dico sono andata in ipertensione se fossi stata incinta partorivo di nuovo mamma che Paura .. ma quello non era il peggio scesa sull’isola siamo andati alla ricerca del disperso ragazza non ho fatto foto perché vi giuro che me la sono passata mica tanto bene se non vi fosse stato il Lupo e Simone il disperso divenivo io ma nel vero senso della parola.. Abbiamo passato rovi ( ma pieni di rovi avevo i bracci il viso pieno di graffi) ortica fino alle spalle dirupi .. ho visto cascare il Lupo fare un pelo ad un tronco  e tagliarsi con le spine  aveva la faccia piena di sangue poverino ma si vede che non gli faceva male.. perché è andato diritto a cercare il disperso io morivo dalla paura a scendere quella scarpata senza tenersi  poiché erano tutti rovi e la scarpata era così:
   
 scarpata piena di rovi
Insomma alla fine siamo riusciti a trovare il disperso ma vi giuro che avevo delle gambe che non le sentivo più.. avevo prurito da per tutto, graffi che mi dolevano sulle braccia .. non vedevo l’ora di farmi la doccia…
Comunque tornata al campo base  sono andata a preparare la tavola per essere pronta per il pranzo e non mancava molto poiché siamo tornati alle 12.30 passate.. e quel giorno li avevamo anche l’assessore e il sindaco a pranzo.
Dopo il pranzo l’esercitazione Onda 15 si è conclusa in positivo il presidente ci ha fatto i complimenti perché tutti i volontari si sono comportati nella maniera più corretta..
Finito il tutto abbiamo cominciato a smontare il campo e alle 17.00 circa il campo era vuoto  e i volontari nella via di ritorno..
Tornata a casa ci siamo fatti un bel bagno e alle 22.00 eravamo già a letto distrutti ma soddisfatti del week end passato.

Alla Prossima esercitazione ...........................................